Home » CANE » Malattie dei cani N-Z » Osteosarcoma nel cane Inibitori della chinasi

Osteosarcoma nel cane Inibitori della chinasi

  • Elicats 
Osteosarcoma nel cane Inibitori della chinasi

Osteosarcoma nel cane. Qualsiasi cane può essere colpito dall’osteosarcoma, l’osteosarcoma (OSA) rappresenta l’80% dei tumori ossei primari del cane, più colpiti  i soggetti di razze grandi e giganti. (Rottweiler, San Bernardo, Alano)

E’ una neoplasia molto aggressiva con un elevato potenziale metastatico, si verifica nella regione dell’anca, spalle, cranio, costole o nella colonna vertebrale, il dolore associato a zoppia spesso è il primo sintomo in alcuni casi si può verificare frattura patologica dell’osso.

La diagnosi precoce è molto importante.

Le cause

La causa originaria di osteosarcoma è ancora sconosciuta ma ci sono alcuni fattori che possono contribuire a scatenare questa malattia. La Dieta gioca sempre un ruolo cruciale nel determinare la salute di qualsiasi animale. L’esposizione a prodotti chimici cancerogeni, lesioni ossee passate e gli ormoni sessuali si ritiene contribuiscano a scatenare la malattia.

Le opzioni terapeutiche attualmente disponibili per il trattamento dell’osteosarcoma sono:

  • Chirurgia
  • Chemioterapia
  • Radioterapia

La chirurgia è il trattamento fondamentale per l’osteosarcoma. Il veterianrio oncologo dovrebbe asportare il tumore con un margine di tessuto sano circostante. In alcuni casi può rendersi necessaria l’amputazione parziale o totale dell’arto.

Identificazione degli inibitori della chinasi antiproliferativa come potenziali agenti terapeutici per il trattamento dell’osteosarcoma canino

Mauchle, Ulrike, et al. “Identification of anti-proliferative kinase inhibitors as potential therapeutic agents to treat canine osteosarcoma.” The Veterinary Journal 205.2 (2015): 281-287.

Le chinasi rappresentano obiettivi molecolari interessanti per la terapia del cancro. Lo scopo dello studio era quello di identificare nuovi composti mirati alle chinasi con il potenziale di indurre la morte cellulare in un gruppo di linee cellulari di osteosarcoma canino. Lo screening ha mostrato 22 diversi inibitori della chinasi che hanno indotto significativi effetti anti-proliferativi attraverso le quattro linee cellulari di osteosarcoma canino.