Vai al contenuto
Home » Malattie dei gatti A-M » Lupus cane cura Come affrontare la malattia autoimmune

Lupus cane cura Come affrontare la malattia autoimmune

  • Elicats 
Epifora nel cane Rimedi naturali

Cos’è il Lupus e in che modo influisce sui cani?

Lupus è una malattia autoimmune che può colpire anche i cani. In questa condizione, il sistema immunitario del cane attacca erroneamente i tessuti sani del suo corpo, causando infiammazione e danni a organi come i reni, il cuore e la pelle.

Il Lupus nei cani è una malattia rara ma grave che può essere difficile da diagnosticare. Tuttavia, con il giusto trattamento e la gestione dei sintomi, molti cani affetti da Lupus possono vivere una vita felice e sana.

La malattia autoimmune più comune nei cani è il lupus eritematoso sistemico (LES). Questo disturbo non è sempre suscettibile di diagnosi, quindi i veterinari ritengono che le statistiche esistenti siano notevolmente sottovalutate. Di seguito scoprirai a quali sintomi dovresti prestare attenzione e quale prognosi viene data agli animali domestici malati.

Cos’è il lupus nei cani

Il lupus eritematoso sistemico nei cani è una malattia cronica che colpisce il tessuto connettivo e i vasi sanguigni. Si sviluppa sullo sfondo di un malfunzionamento del sistema immunitario, in cui il corpo attacca le proprie cellule sane, scambiandole per estranee.

“Il nome della patologia deriva dal suo sintomo principale: un’eruzione cutanea rossa sul viso, simile a un segno di morsi di lupo.

Cercando di difendersi da una minaccia inesistente, il sistema immunitario produce un gran numero di anticorpi. Queste molecole servono a uccidere virus, batteri, funghi e altri agenti patogeni, ma in condizioni di fallimento si legano ai componenti proteici delle cellule sane. Di conseguenza, compaiono complessi immunitari circolanti (CIC), il cui eccesso è irto di una reazione infiammatoria cronica e danni agli organi interni e ai tessuti.

Cause della malattia

lupus cane cura

Le cause esatte del lupus nei cani sono sconosciute. Molto spesso, la malattia viene diagnosticata nei pastori tedeschi. Anche altre razze dal naso lungo o dolicocefale ne sono predisposte:

collie;

levrieri afghani;

barboncini;

husky siberiani;

setter;

I veterinari ritengono che lo sviluppo della patologia sia determinato non solo da una predisposizione genetica, ma anche dai seguenti fattori:

esposizione prolungata alle radiazioni ultraviolette (gli animali che vivono per strada si ammalano più spesso di quelli che vivono in casa);

stress frequente;

alcuni farmaci (antibiotici ad ampio spettro, immunosoppressori) e tossine (mercurio, sali di metalli pesanti);

Squilibri ormonali;

malattie del sangue (leucemia);

varie infiammazioni causate da virus, batteri e funghi.

Il gruppo di rischio comprende animali di età superiore a 5,5 anni.

Sintomi di disturbi in diversi sistemi corporei

I sintomi del lupus eritematoso nei cani, spesso colpiscono le articolazioni, i reni, il fegato e la pelle. Per questo motivo, il quadro clinico negli animali malati è molto diverso.

Sistema muscoloscheletrico

artrite;

grave zoppia;

dolore, arrossamento e gonfiore delle articolazioni;

posizione innaturale delle zampe;

dolore muscolare;

Durante le passeggiate, l’animale può rifiutarsi di correre o attirare gli arti doloranti. Con una prolungata assenza di trattamento, i tessuti interessati si deformano e si fondono, portando a una completa perdita dell’attività motoria.

Reni e fegato

Il danno ai reni e al fegato è la variante più pericolosa dello sviluppo del lupus. Questi organi sono responsabili della neutralizzazione e dell’eliminazione delle tossine, pertanto una violazione della loro funzionalità colpisce l’intero corpo e alla fine porta alla morte.

A differenza di altre forme della malattia, questa varietà non ha praticamente sintomi esterni ed è difficile da diagnosticare. Non c’è dolore marcato.

I cambiamenti patologici possono essere rilevati solo con l’aiuto della diagnostica di laboratorio e strumentale. Prima di tutto, c’è un aumento delle dimensioni dei reni e del fegato, una violazione della coagulazione del sangue e l’ipertensione.

“Un altro sintomo importante è l’infiammazione dei linfonodi. Successivamente si aggiungono gonfiore delle zampe posteriori e gonfiore della zona intorno agli occhi.

Le ulcere sulla pelle sono accompagnate anche da arrossamenti, oltre a depigmentazione e calvizie localizzata. Un altro sintomo importante è il sangue dal naso . Si sviluppano proprio all’inizio della malattia e non passano inosservati, il che migliora significativamente la prognosi grazie alla ricerca tempestiva di aiuto.

Varietà di patologia

Oltre al lupus eritematoso sistemico, nei cani si verifica anche il lupus eritematoso discoide, che colpisce solo la pelle. Non influisce sulle condizioni generali dell’animale e ha una prognosi favorevole. I suoi sintomi principali includono:

depigmentazione del naso;

la comparsa di croste, erosioni e arrossamenti su viso, orecchie e genitali;

sanguinamento con ulcere profonde.

Le ricadute si verificano principalmente durante la stagione calda, poiché il suo principale provocatore sono i raggi del sole. Nonostante un decorso più lieve, questa varietà può essere complicata dallo sviluppo del carcinoma a cellule squamose .

“L’onicodistrofia lupica simmetrica è accompagnata dalla perdita degli artigli, soprattutto sulle zampe anteriori, e dall’infezione dei tessuti periungueali.

Come diagnosticare

Se vengono rilevati sintomi allarmanti, l’animale deve essere registrato per l’esame presso la clinica veterinaria. Per fare una diagnosi, è necessario indicare l’inizio della loro comparsa, le possibili cause e la rapidità dello sviluppo della malattia. Dopo aver raccolto l’anamnesi e l’esame esterno del paziente, vengono eseguiti i seguenti studi:

Esami del sangue generali e biochimici . Rivelano un basso contenuto di leucociti, piastrine, linfociti ed emoglobina, anemia e funzionalità renale compromessa. Viene anche presa in considerazione la velocità di eritrosedimentazione (VES), che determina la presenza di un processo infiammatorio.

Analisi generale delle urine . Determina l’alto contenuto di proteine, sangue e cilindri. Questi ultimi si formano in violazione della funzionalità dei reni.

Test di Coombs indiretto. Con un risultato positivo, viene confermata la presenza di anemia emolitica di natura autoimmune, cioè la massiccia distruzione dei globuli rossi e una diminuzione del loro numero.

Biopsia. L’analisi dei tessuti aiuta a escludere l’oncologia simile nei sintomi. Come campione, un frammento di pelle viene prelevato dall’area infiammata senza erosioni e ulcere. Lo studio viene eseguito in anestesia generale e può essere accompagnato da forti emorragie. La parte più sensibile è il naso, quindi è necessaria la sutura dopo la biopsia.

Sierologia. Esamina un esame del sangue per la presenza di anticorpi.

Test degli anticorpi antinucleari. A differenza della sierologia, è specifico e viene utilizzato per confermare la presenza di patologie autoimmuni. Con SLE, dà un risultato positivo nel 95% dei casi.

Test per gli anticorpi contro il DNA a doppio filamento. Un altro studio specifico per determinare il LES. Rileva gli autoanticorpi che distruggono le cellule sane. Nel LES, la maggior parte degli anticorpi è concentrata nei glomeruli.

La diagnosi è confermata in presenza di 4 o più specifici segni di patologia. Tutti gli altri studi, come gli ultrasuoni e i raggi X, sono prescritti per determinare le complicanze associate e il grado di danno al corpo.

Pelle

lupus cane cura

La bocca, il naso, gli occhi e l’ano sono coperti da numerose piaghe. La cheilite si sviluppa sulle labbra – infiammazione, accompagnata da un forte arrossamento dei tessuti e dalla formazione di dense croste secche. Con danni estesi, c’è una perdita di appetito, il rifiuto dell’acqua e una violazione del movimento intestinale.

La diagnosi del Lupus in cani può essere difficile poiché i sintomi possono essere simili ad altre malattie autoimmuni o infettive. Il veterinario effettuerà un esame fisico completo del tuo cane, prenderà una storia medica dettagliata e condurrà test di laboratorio per determinare la causa dei sintomi.

Il trattamento del Lupus in cani dipenderà dalla gravità dei sintomi e dalle parti del corpo colpite. Il veterinario può prescrivere farmaci per controllare l’infiammazione, i problemi renali o cardiaci, o per sopprimere il sistema immunitario del cane.

Trattamento, prognosi e cura degli animali

Il lupus non può essere completamente curato, quindi la terapia si basa sulla soppressione della risposta immunitaria e sul miglioramento delle condizioni generali dell’animale malato mantenendo una remissione stabile. Nei casi avanzati ricorrono al ricovero con plasmaferesi e nei casi lievi il ​​trattamento viene effettuato a casa.

I preparati sono selezionati da un veterinario su base individuale in base al sistema interessato.

immunosoppressori e glucocorticosteroidi che deprimono il sistema immunitario;

antinfiammatori, eliminando l’infiammazione sulla pelle e sulle mucose.

Con danni estesi alla pelle, i glucocorticosteroidi vengono utilizzati sotto forma di iniezioni. In una forma simile viene prescritta la vitamina E, che stimola la guarigione delle aree danneggiate, vengono utilizzati analgesici e antispasmodici per alleviare il dolore e gli spasmi.

La cura degli animali è per tutta la vita. Per ridurre il carico sul sistema muscolo-scheletrico, l’attività è necessariamente ridotta. Il cane è dotato del massimo comfort e diligentemente protetto dai raggi del sole, portandolo a passeggio prima dell’alba o dopo il tramonto.

Un altro punto importante del trattamento è la dieta.

Possibili complicazioni

La principale causa di morte nel LES è l’insufficienza multiorgano, che si sviluppa quando la funzionalità di diversi sistemi interni è compromessa. Altre possibili complicazioni includono quanto segue:

malattie infiammatorie del cuore (pericardite, miocardite, endocardite);

meningoencefalite, o infiammazione delle membrane cerebrali, irta di paralisi e disturbi mentali;

episclerite, accompagnata da arrossamento del bulbo oculare e aumento della lacrimazione;

insufficienza renale ed epatica;

ipertensione arteriosa;

pleurite e polmonite, che portano a un eccessivo accumulo di liquido nei polmoni e alla cicatrizzazione della parete vascolare degli alveoli;

aterosclerosi, caratterizzata dalla formazione di placche di colesterolo nelle arterie;

sinovite, o infiammazione della sinovia delle articolazioni;

retinopatia e cataratta, perdita della vista.

lupus cane cura

Non esiste una cura definitiva per il Lupus nel cane, ma con le corrette cure naturali e una buona nutrizione e sostegno agli organi con micoterapici, fitoterapici si mantiene il cane stabile.

Elicats
You cannot copy content of this page