Home » Malattie dei gatti N-Z » PERITONITE INFETTIVA FELINA IL RUOLO DEI PROBIOTICI

PERITONITE INFETTIVA FELINA IL RUOLO DEI PROBIOTICI

  • Elicats 
PERITONITE INFETTIVA FELINA probiotici

Sappiamo che i coronavirus felini (FCoV) colonizzano il tratto intestinale, tuttavia, a causa di mutazioni non completamente comprese, possono diffondersi a livello sistemico e causare peritonite infettiva felina (FIP).

PERITONITE INFETTIVA FELINA IL RUOLO DEI PROBIOTICI

Studi recenti sulla medicina umana riportano che il microbiota intestinale è coinvolto nello sviluppo di disturbi sistemici e potrebbe influenzare la risposta immunitaria nelle malattie virali.

Gli FCoV di solito abitano il tratto intestinale (coronavirus enterico felino, FECV). Durante la replicazione virale all’interno dell’enterocita, può essere generata una variante mutata, chiamata anche virus FIP (FIPV)  -Sebbene entrambi i biotipi virali (FECV e FIPV) possano diffondersi sistemicamente, solo il FIPV può indurre la FIP, a causa del più alto tasso di interazioni tra il virus e i monociti. 

Inoltre, la risposta immunitaria dell’ospite ha un ruolo fondamentale nello sviluppo della malattia, l’immunità cellulo-mediata sembra essere protettiva.

Il microbiota intestinale felino condivide molte somiglianze con la sua controparte umana e, come precedentemente descritto per persone e animali, lo sviluppo di malattie infettive, soprattutto se associate a un forte coinvolgimento del sistema immunitario, può essere potenziato da una composizione sbilanciata del microbiota intestinale.

Diverse evidenze scientifiche supportano i benefici che alcuni probiotici possono migliorare la risposta immunitaria e possono avere un ruolo regolatorio nell’infiammazione sistemica o nel danno endoteliale.

I coronavirus che infettano i mammiferi hanno mostrato patogenicità gastrointestinale e causano sintomi come diarrea (virale) e vomito, ad esempio si è visto che la necrosi delle cellule epiteliali intestinali sparse e il danno dei villi sono le principali manifestazioni patologiche dell’infezione da coronavirus suino.

I coronavirus canini (CCoV) coinvolgono due sierotipi, è limitato all’intestino tenue e causa sintomi come diminuzione dell’appetito, vomito, diarrea acquosa e disidratazione.

Il coronavirus felino (FCoV) include il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus della peritonite infettiva felina – FECV di solito provoca lievi sintomi intestinali nei gatti, nella fase iniziale della FIP ci saranno sintomi di infezione gastrointestinale con sintomotologia da lieve a grave, (infezione – diarrea -vomito).

*In umana le osservazioni patologiche hanno dimostrato danni all’epitelio della mucosa esofagea, stomaco e intestino.

Secondo l’International Scientific Association for Probiotics and Prebiotics (2013), i probiotici sono definiti come “microrganismi vivi che, se somministrati in quantità adeguate, conferiscono un beneficio per la salute dell’ospite”. I probiotici si trovano negli alimenti fermentati e in diversi integratori, ma possono essere utilizzati solo ceppi ben definiti, con benefici scientificamente dimostrati.

I probiotici possono avere due diversi impatti immunomodulatori sull’ospite:

Possono indurre una risposta immunitaria antinfiammatoria e immunostimolante, pertanto è importante conoscere i ceppi migliori e i loro meccanismi.

Peritonite infettiva felina I probiotici

I probiotici e principalmente i ceppi di batteri lattici, Lactobacillus e Bifidobacterium, hanno mostrato vari effetti benefici sulla salute, modulano principalmente il microbiota intestinale attraverso la
soppressione della crescita dei batteri opportunisti. Oltre all’intestino, è stato riportato che i
probiotici esercitano effetti benefici sulla salute attraverso diversi potenziali meccanismi, tra cui
l’immunomodulazione e il mantenimento della funzione della barriera epiteliale.

I probiotici sono noti per ripristinare il microbiota intestinale stabile attraverso l’interazione e la co-
ordinazione dell’immunità innata e adattativa intestinale. Vari tipi di cellule, come i mastociti, cellule natural killer (NK) e macrofagi interagiscono con il microbioma intestinale per regolare l’immunità innata.

Peritonite infettiva felina  – Probiotici antivirali e antinfiammatori

Lactobacillus acidophilus e  Bifidobacterium infantis, potrebbero moderare la funzione immunitaria e ridurre l’infezione.

Lactobacillus plantarum: ha dimostrato di avere un’ottima capacità nel superare la barriera gastrica, resistendo a pH marcatamente acidi, ha la capacità di resistere a moltissime classi di antibiotici e di espletare un’azione antinfiammatoria, L. plantarum ha mostrato una maggiore produzione di IL-4 e IL-10, che sono citochine ad effetto anti-infiammatorio. Il Lactobacillus plantarum è in grado di contrastare le infezioni enterobatteriche. Contribuisce a rafforzare le funzioni di barriera della mucosa intestinale prevenendo gli attacchi dei batteri patogeni alla parete intestinale.

L. rhamnosus GG: potrebbe ridurre la diarrea. Gli studi hanno dimostrato che Lactobacillus acidophilus L – 92 , L. rhamnophilus GG  e altri probiotici possono migliorare la risposta immunitaria e avere attività antivirale. 

I probiotici possono inibire la crescita di batteri nocivi mantenendo un ambiente acido debole nell’intestino, esercitando effetti antibatterici, antinfiammatori e persino antitumorali.

La formulazione probiotica contenente i seguenti ceppi: Lactobacillus acidophilus , L. helveticus , L. paracasei , L. plantarum , L. brevis , Bifidobacterium lactis eStreptococco termofilo potrebbe ridurre la durata della diarrea, migliorare la consistenza delle feci, l’infiammazione intestinale, la disbiosi e i sintomi gastrointestinali.

Probiotici e profilassi delle malattie virali coronavirus

Attività antivirale di ceppi di batteri lattici (LAB) come L. rhamnosus GG, L. casei ShirotaL. fermentumLactobacillus pentosusL. plantarum  Enterococcus faeciumL. actobacillus paracasei subsp. L actobacillus gasseri. Enterococcus faecium.

Attività virale anti-corona Sivomixx

Batterioterapia orale

Ritorno a parlare di SIVOMIXX, la formulazione somministrata in questo studio conteneva: Streptococcus thermophilus DSM 32345 , L.acidophilus DSM 32241, L. helveticus DSM 32242 , L. paracasei DSM 32243, L. plantarum DSM 32244, L. brevis DSM 27961, B. lactis DSM 32246, B .lactis DSM 32247. La batterioterapia orale (in umana) prevedeva l’uso di 2.400 miliardi di batteri al giorno. 

Ad esempio la batterioterpia è stata associata alla scomparsa della diarrea in tutti i pazienti entro 7 giorni. Altri soggetti hanno risolto la diarrea entro 24 ore e quasi la totalità ha manifestato miglioramenti della funzionalità respiratoria.

PERITONITE INFETTIVA FELINA probiotici

Peritonite infettiva felina inibitori