Home » Esami e diagnostica cane gatto » Interpretazione elettroforesi gatto cane [Spiegato]

Interpretazione elettroforesi gatto cane [Spiegato]

  • Elicats 
Interpretazione elettroforesi gatto

Elettroforesi delle proteine gatto cane: la valutazione delle proteine del siero è un metodo di laboratorio che ha sostituito la determinazione biochimica delle concentrazioni di albumina e il rapporto tra albumina e globuline e rappresenta un importante strumento diagnostico per l’individuazione, la diagnosi e il monitoraggio di varie malattie e processi patologici.

Interpretazione elettroforesi gatto

L’elettroforesi viene normalmente utilizzata sui campioni di siero, ma può essere richiesta anche sul plasma o altri fluidi corporei (urina, liquido cerebro-spinale). Il siero rimane il gold standard perchè quest’ultimo non contiene fibrinogeno che può interferire con il risultato (a meno che il plasma non sia stato defibrinato).

Può essere eseguita su:

  • Siero: elettroforesi sieroproteica o elettroforesi delle proteine sieriche
  • Urine: elettroforesi urinaria
  • Liquor (liquido cerebrospinale): elettroforesi delle proteine liquorali

L’elettroforesi serve per diagnosticare o monitorare:

  • Malattie infettive
  • Malattia infiammatorie
  • Malattie renali (l’analisi delle proteine urinarie è fondamentale nella diagnosi e monitoraggio delle patologie renali)
  • Malattie gastrointestinali
  • Stati di immunodeficienza
  • Neoplasie linfoidi o plasmacellulari

Possiamo dire che quasi tutte le proteine sono prodotte e selezionate dagli epatociti, ad eccezione delle
immunoglobuline che sono prodotte dal sistema immunitario, altre proteine sono prodotte all’intestino, polmone, altri tessuti e ghiandole. Le proteine del siero più rappresentate includono albumina, immumonoglobuline, aptoglobina, transfer e lipoproteine.

Le globuline

Dopo l’elettroforesi, le proteine vengono separate in quattro frazioni:

  • Albumina (rappresenta la proteina plasmatica per eccellenza)
  • α- (aplha-1 / alpha-2)
  • β – (beta-1 / beta-2)
  • γ – (gamma) – globuline

L’elettroforesi indica la stima quantitativa di ogni frazione dalla concentrazione totale di proteine.

Ogni frazione a sua volta è costituita da da un gruppo di singole proteine:

Frazioni delle proteine

  1. Albumine
  2. α1-globuline: (α1-antitripsina – α1-fetoproteina / α1-acido glicoproteina (orosomucoide) / α1- antichimotripsina / α1-lipoproteina)
  3. α2-globuline: (aptoglobina / α2-microglobulina (proteina HC) α2-macroglobulina / ceruloplasmina / proteina legante il retinolo / α2- antiplasmina / α2- lipoproteina / Gc-globulina (componente specifico del gruppo legante la vitamina D)
  4. β-globuline: transferrina / ferritina /β1-lipoproteina / emopessina / plasminogeno /angiostatina / β1- glicoproteina specifica per la gravidanza / β2-microglobulina / C3 complemento / C4 complemento / Proteina C-reattiva / fibrinogeno
  5. Gammaglobuline: immunoglobulina G / immunoglobulina A / immunoglobulina M /immunoglobulina D / immunoglobulina E

 

L’albumina costituisce tra il 35 e il 50% delle proteine totali

Le globuline sono un gruppo di proteine che formano picchi sul lato destro del pannello elettroforetico. Hanno funzioni specifiche nella regolazione dei processi infiammatori, ma anche a livello sistemico.


La transferrina e il complemento sono le principali proteine della frazione delle β-globuline, che possono corrispondere alle due sotto-frazioni (β1 e β2). Alcune immunoglobuline IgM possono migrare nella regione β, mentre le immunoglobuline IgA e IgE possono essere trovate nell’interzona β-γ.

La frazione γ-globulina è prevalentemente composta da immunoglobuline di varie classi (IgG, IgA, IgM, IgD e IgE). Le immunoglobuline sono prodotte da cellule del sistema immunitario adattativo, cellule B attivate e plasmacellule, in risposta all’esposizione agli antigeni.

Elettroforesi proteica nel gatto e malattie

Diminuzione della concentrazione di albumina: malattie del fegato, cirrosi, insufficienza epatica, malattie renali, sindrome nefrosica (perdita di albumina causata dal danno glomerulare). Anche una malnutrizione, enterite proteino-disperdente, malattie gastrointestinali o parassitosi possono causare ipoalbuminemia. Infiammazione acuta, risposta della fase acuta a seguito di flogosi o neoplasie.

Aumento di albumina: in corso di disidratazione, somministrazione prolungata di glucocorticoidi ed ormoni.

Diminuzione α1-globulina: carenza di α1-antitripsina, malnutrizione, insufficienza epatica

Un suo incremento si ha nell’infiammazione attiva.

Aumento di α2-globuline: aumento nelle malattie infiammatorie , traumi, sindrome nefrosica, infiammazione o neoplasia, somministrazione di farmaci come il cortisone.

Diminuzione di α2-globuline: anemia emolitica

Aumento β-globuline: malattie infiammatorie, FIP; infezioni, epatite, cirrosi, sindrome nefrosica, malattie croniche del fegato, ipercolesterolemia, anemia da carenza di ferro.
Diminuzione β-globuline: malnutrizione, insufficienza epatica.

Aumento delle gamma globuline: MONOCLONALE – mieloma multiplo, leucemia linfatica cronica, linfosarcoma, mieloma a cellule plasmatiche, linfoma maligno.

POLICLONALE – condizioni infiammatorie reattive, processi infiammatori cronici, infezioni gravi, disturbi immuno-mediati, neoplasia.

Diminuzione delle gamma globuline: infezioni ricorrenti, malattie da immunodeficienza ereditaria, FIV e FELV.

Aumenti delle α2-globuline sono stati riportati negli animali affetti da varie malattie, tra cui leishmaniosi, ehrlichiosi, babesiosi, peritonite infettiva felina, colangite felina, emoplasmosi, così come qualsiasi infiammazione secondaria, specialmente se causata da batteri opportunisti.

Iperproteinemia nel gatto cane

Un aumento della concentrazione di tutte le proteine in modo proporzionato sta ad indicare o disidratazione oppure errori di laboratorio.

Ipoproteinemia gatto cane

La riduzione di tutte le proteine in modo proporzionato sta ad indicare un errore di laboratorio, eccessiva somministrazione di fluidi, oppure emorragie.

Le gammopatie nel gatto e nel cane

L’incremento delle γ-globuline è collegato a patologie.

Le gammopatie si possono trovare in molte condizioni patologiche, si differenziano in


Gammopatia monoclonale: le immunoglobuline prodotte da un singolo clone di linfociti B o plasmacellule formano tipicamente un picco alto e stretto nella regione da β- a γ (a seconda dell’immunoglobulina coinvolta). 

Una gammopatia monoclonale è solitamente dovuta a:

  • Neoplasie dei linfociti B secernenti immunoglobuline , ad esempio leucemia linfocitica cronica o linfoma dei linfociti B.
  • Tumori plasmacellulari , ad es. plasmocitoma extramidollare, mieloma solitario dell’osso e mieloma multiplo.
Interpretazione elettroforesi gatto
Gammopatia monoclonale:

Gammopatia policlonale:

La gammopatia policlonale è caratterizzata da un diffuso e ampio aumento della zona delle γ-globuline,
indica quasi sempre processi infiammatori cronici: (gastrointestinali, respiratori, endocrini, cardiaci),
infezioni gravi, così come disordini immunomediati o reumatologici. La gammopatia policlonale si riscontra negli animali con leishmaniosi, peritonite infettiva felina, virus della leucemia felina, FIV, infezione da Ehrlichia, processo infettivo e neoplasia.

 

 

Interpretazione elettroforesi gatto
Gammopatia policlonale / picco a base larga

Alcune malattie possono produrre una risposta di fase acuta concomitante e una gammopatia policlonale, ad es. infezione da virus della peritonite infettiva felina, infezione da Leishmania nei cani, infiammazione sistemica. In questi casi, in genere si riscontra:

  • Aumento delle proteine ​​totali
  • Picco a base ampia che di solito copre le regioni β e γ (gammopatia policlonale).
  • Diminuzione dell’albumina da normale a lieve (proteina di fase acuta negativa)
  • Aumento delle globuline α1- o α2 (risposta in fase acuta)

 

Rapporto albumina / Globulina nel gatto e cane


Il normale rapporto A/G varia da valori inferiori a 1,0 a valori appena superiori a 1,0
0,6-1,1 nei cani e nei gatti.

Un rapporto A/G diminuito può essere causato da una sovrapproduzione di globuline, da una diminuzione della sintesi di albumina o dalla perdita di albumina.

I gatti che mostrano bassi livelli di globulina nel sangue potrebbero avere disfunzioni epatiche, anemia o problemi ai reni. Potrebbe essere necessario controllare la dieta e gli ormoni tiroidei.

Livelli aumentati di globuline nei gatti possono indicare un’infezione parassitaria o virale o batterica.

Se un numero elevato di globuline è accompagnato da vomito o diarrea, i gatti possono essere testati per problemi al pancreas e intestinali.

Elettroforesi delle proteine  Peritonite infettiva nel gatto

Nella diagnosi di FIP si ha un aumento della concentrazione di proteine ​​totali nel siero, insieme a una diminuzione del rapporto albumina/globulina (A:G / <0,8). Il pattern elettroforetico FIP è tipicamente caratterizzato da un aumento delle frazioni alfa (α) 2 – e gamma (γ)-globuline.