Home » Malattie dei gatti N-Z » Stomatite gatto Estrazione dei denti Cosa sapere Le FORL

Stomatite gatto Estrazione dei denti Cosa sapere Le FORL

  • Elicats 

La gengivostomatite si presenta inizialmente e più facilmente nelle fauci, l’area posta nella parte posteriore della bocca dove la mandibola incontra la mascella superiore, la parte diventa rossa, gonfia e ulcerata, vi è la comparsa di gengivite, stomatite ulcerativa o faucite, i gatti hanno molto dolore, le mucose della bocca sono molto infiammate e nella porzione più profonda del cavo orale (faucite) vi è forte infiammazione, Il gatto soffre molto e smette di mangiare.

Stomatite gatto Estrazione dei denti

I denti  per prima coinvolti sono i molari, i premolari e successivamente canini e incisivi.

I sintomi

• Alito cattivo

Salivazione eccessiva (scialorrea)

Difficoltà a mangiare e masticare

• Gengive che sanguinano facilmente

• Rifiuto del cibo

La gengivostomatite cronica felina è causata molto spesso da intolleranze alimentari pertanto il ruolo della dieta rappresenta il primo trattamento da seguire.

Come si diagnostica la gengivite nel gatto

Stomatite nel gatto Terapia

  • Antibiotici
    Possono essere usati per trattare le infezioni batteriche primarie e secondarie, ma l’uso a lungo termine potrebbe portare ad un antibiotico-resistenza ed al fallimento terapeutico.
  • Antinfiammatori e corticosteroidi
    Vengono impiegati per ridurre l’infiammazione e per permettere al gatto di alimentarsi senza sentire dolore, ma anche qui gli effetti collaterali sono  molteplici e inoltre molti gatti non rispondono alla terapia. Gli effetti collaterali a lungo termine sono conosciuti da diversi anni, danno renale, epatico e abbassamento delle difese immunitarie, da evitare nei gatti con il sistema immunitario compromesso e positivi alla FIV.

Il cortisone oltre a sopprimere la risposta immunitaria ha molti effetti collaterali, inoltre è assolutamente controindicato in caso di positività al virus dell’immunodeficienza felina (FIV). 

In caso di gengivite nel gatto FIV positivo che non passa è consigliato valutare l’estrazione dei denti. La somministrazione prolungata di cortisone può portare allo sviluppo di malattie renali, diabete e sindrome di Cushing

Alla terapia orale si può affiancare una terapia topica, a base di clorexidina o gel antibatterico.

LE FORL (Feline Odontoclastic Resorptive Lesions)

L’ESTRAZIONE DEI DENTI IN CASO DI FORL

Le lesioni da riassorbimento dentale (FORL) nei gatti sono molto diffuse e l’estrazione dei denti rimane l’unica soluzione per dare sollievo a questa condizione. L’intervento risulta per molti gatti la soluzione definitiva, ma tanti gatti non possono essere sottoposti all’estrazione dei denti per problemi di salute secondari e per l’età avanzata che non consente di superare l’anestesia.

FORL DI TIPO 1

Le lesioni sono localizzate a livello del colletto dentale, le gengive del gatto sono infiammate ed effettuando la radiografia si osserva una radiotrasparenza all’estremità del segmento osseo nel quale è alloggiato il dente. In caso di FORL di tipo 1 si procede con l’estrazione chirurgica dell’intera radice (tende a fratturarsi) e del dente.

FORL DI TIPO 2

Si presenta con gengivite lieve di solito si procede con l’estrazione del dente.

Consigli Homecare

  • Ridurre il pet-food a favore di un cibo morbido, naturale ed ipoallergenico
  • Utilizzare ciotole in ceramica o metallo (evitate la plastica, poco igienica)
  • Controllare il dolore farà mangiare il gatto e medicarlo sarà per noi più facile – Assolutamente NO STRESS
  • Attivare una strategia vincente che possa aumentare le difese immunitarie
  • Integrate con probiotici per migliorare la disbiosi intestinale (alterazione del normale equilibrio della flora batterica)
  • Impiegare gel odontostomatologico come ad il Restomyl Gel

In presenza di alitosi e per l’igiene orale in caso di stomatiti immuno-mediate (FeLV e FIV nel gatto e nel complesso del Granuloma eosinofilico del gatto e in caso di neoplasie benigne e maligne, è utile lo Stomodine LPGEL.

In caso di ulcere, gengivite e stomatite la pasta Aloeplus – Formula Classica può essere spalmata sulle gengive, in spray segnalo Alopet Spray Orale – per Cani e Gatti

Prima di rimandarti all’approfondimento e alle terapie e rimedi naturali per trattare la stomatite e gengivite nel gatto, ti consiglio di leggere l’articolo: Alitosi e igiene orale cane gatto – Trattamenti e prodotti

Alcuni casi richiedono terapie chirurgiche, mediche e omeopatiche combinate tra loro per il controllo a lungo termine della stomatite felina.

Gengivostomatite Cronica Felina 20 Rimedi naturali Funzionali

Stomatite gatto rimedi naturali Terapie Integrate

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime news del mondo pets? segui la nostra pagina Facebook o Iscriviti al Forum!

Salva

Salva