Home » Rimedi naturali malattie gatto cane » Probiotici nell’insufficienza renale gatto cane Dialisi enterica

Probiotici nell’insufficienza renale gatto cane Dialisi enterica

  • Elicats 
quale probiotico ckd gatto

Il rapporto tra microbiota e malattia renale è uno degli argomenti di maggiore interesse degli aultimi anni, il microbiota interferisce con la funzione renale mediante propri metaboliti, quali la trimetilammina (TMA) e gli acidi grassi a catena corta (short chain fatty acids, SCFA).

Tossina uremica l’Indolo solfato e il microbiota

L’Indolo solfato, è un metabolita del triptofano alimentare che agisce come una cardiotossina e tossina uremica.

In umana, alte concentrazioni di questo metabolita nel sangue sono associate allo sviluppo e alla progressione della malattia renale cronica, essendo una tossima uremica, stimola la sclerosi glomerulare e la fibrosi interstiziale renale.

Studi suggeriscono che:

Pazienti con CKD sviluppano livelli plasmatici di TMAO più elevati e una diversa composizione del microbiota intestinale rispetto a soggetti sani.

L’aumento dei livelli di TMAO nei pazienti con CKD è direttamente provocato dalla disbiosi del microbiota.

  • TMAO (trimelitalammina-N-ossido) → rischio cardiovascolare e trombosi

  • Indoxilsolfato → progressione malattia renale trombosi, malattia cardiovascolare, anemia

  • p-cresil-fosfato → progressione malattia renale e vascolari, effetti pro-infiammatori

 

ll microbiota produce alcune delle più importanti tossine uremiche

Nell’insufficienza renale cronica il microbiota intestinale è coinvolto direttamente nell’aumento di queste tossine uremiche, perchè è la disbiosi indotta dall’uremia stessa ad aumentare le concentrazioni di tossine in circolo con conseguente riduzione dell’escrezione renale e peggioramento della malattia.

Il microbioma fecale e le concentrazioni sieriche di indolo solfato risultano più elevate nei gatti con malattia renale cronica

Se la disbiosi intestinale è stata documentata nell’uomo con malattia renale cronica (CKD), si ritiene che contribuisca alla produzione delle tossine uremiche quali indolo solfato e solfato p-cresolo, anche nel gatto e cane con insufficienza renale cronica.

In uno studio sono stati analizzati i campioni fecali di 30 gatti di proprietà dei clienti in stadio 2 e stadio 4 della malattia renale per misurare le concentrazioni sieriche di indolo solfato e solfato p-cresolo.

Risultati:

I gatti con CKD avevano una ridotta diversità e ricchezza di batteri fecali. La concentrazione di indolo solfato era significativamente aumentata nei gatti con CKD, inoltre i gatti con CKD in stadio 2 avevano un carico di tossine uremiche molto simile a quello dei gatti con malattia in stadio avanzato.

Modulare il microbiota del cane e gatto per indurlo a produrre meno tossine uremiche

con la somministrazione di

inulina fos insufficienza renale gatto cane

A tutta Inulina – integrazione a cicli per tutti noi, mici compresi 😉

 

  1. Inulina
  2. Simbiotici e Probiotici: con almeno 9 ceppi fra streptococco, bifidobatteri e  lattobacilli

Probiotici nell’insufficienza renale gatto cane Quali Ceppi?

Lactobacillus acidophilus e Bifidobacterium bifidum + Inulina = aumentano la popolazione di bifidobatteri

Lactobacillus plantarum, Lactobacillus casei subsp. Rhamnosus, Lactobacillus gasseri, Bifidobacterium infantis, Bifidobacterium longum, Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus salivarius, Lactobacillus sporogenes, Streptococcus thermophilus, inulina previotica amido di tapioca resistente contenuti nel probiotico  Probinul Neutro.

 

Probinul —-> L’agente simbiotico può ridurre significativamente i livelli plasmatici di p-cresolo totali nei pazienti con stadi CKD 3 e 4.

probinul 5 insufficienza renale gatto cane

 

Insufficienza renale gatto cane I probiotici più efficaci

Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus casei, Lactobacillus lactis, Bifidobacterium bifidum, Bifidobacterium longumBifidobacterium infantis 

I livelli di urea migliorano significativamente dopo l’integrazione con questi probiotici.


Lactobacillus casei, Lactobacillus cidophilus, Lactobacillus bulgarigus, Lactobacillus rhamnosus, Bifido, batterio breve, Bifidobacterium longum, Streptococcus thermophilus e fruttoligosaccaride prebiotico.

I livelli di azoto ureico nei pazienti con insufficienza renale cronica diminuiscono.

Nove ceppi diversi dai generi Lactobacillus, BifidobacteriumStreptococcus. Inulina ad alto peso molecolare, fruttooligosaccaridi e galattoligosaccaridi e componente probiotico. ———> La terapia simbiotica ha portato a riduzioni statisticamente significative e potenzialmente clinicamente rilevanti dei livelli sierici di IS e PCS. (Indoxilsolfato – p-cresil-solfato)

Insufficienza renale Probinul VS Vivomixx

Probinul neutro (BUSTINE)

Probinul 5 Neutro è un integratore simbiotico che sfrutta la presenza di probiotici e prebiotici per riequilibrare la flora batterica intestinale in situazioni quali:

  • Stitichezza cronica
  • Durante e dopo la terapia antibiotica così da ripopolare l’intestino con batteri salutari, riducendo gli effetti collaterali dovuti al trattamento
  • Diarrea di diversa origine causata anche da chemioterapia o radioterapia
  • Sindrome del colon irritabile
  • Supportare una dieta corretta in caso di alterazioni metaboliche come diabete, obesità, celiachia, malassorbimento.

Ceppi contenuti nel Probinul e attività in corso di IRC/CKD

  1. Bifidobacterium Lactis BS01: Migliora i sintomi gastrointestinali, contrasta il gonfiore addominale e riduce la stipsi nella Sindrome dell’intestino irritabile (IBD). Rallenta la progressione della malattia renale.
  2. Lactobacillus plantarum: aiuta a conservare la funzione renale residua, riduce il p-cresil-fosfato.
  3. Lactobacillus rhamnosus: funge da barriera e protegge la mucosa gastrica, i pazienti con CKD hanno sempre infiammazione intestinale.
  4. Streptococcus thermophilus: riduce l’azotemia e acido urico.
  5. Lactobacillus acidophilus: riduce il p-cresil-fosfato nelle feci, la dimetilammina (o DMA un composto organico derivato dall’ammoniaca) contrasta l’Escherichia coli, migliora i sintomi gastrointestinali, rallenta la progressione della malattia renale.
  6. Bifidobacterium infantis: riduce il p-cresil-fosfato.
  7. Bifidobacterium longum: conservazione della funzione renale residua, riduce il p-cresil-fosfato, rallenta la progressione della malattia renale.
  8. Lactobacillus salivarius: riduce il p-cresil-fosfato.

il Probinul inoltre contiene

  • Fruttooligosaccaridi (FOS)
  • Inulina (Modula il microbiota a produrre meno scorie azotate in caso di insufficienza renale cronica) – Può causare feci molli/Diarrea
  • Edulcorante: Rebaudioside A da Stevia rebaudiana
  • Vitamina E (dl-alfa-tocoferil-acetato)
  • Vitamina C rivestita

Ceppi contenuti nel Vivomixx e attività in corso di IRC/CKD

VIVOMIXX (BUSTINE)

Vivomixx® bustine è un integratore alimentare contenente una concentrazione di 450 miliardi di batteri vivi per bustina che garantiscono un equilibrio intestinale ottimale. Questo prodotto innovativo concepito per un uso quotidiano è frutto di una combinazione sinergica di 8 diversi ceppi di batteri lattici vivi e bifidobatteri che garantiscono un ottimale equilibrio intestinale.

  1. Streptococcus thermophilus: riduce l’azotemia e acido urico.
  2. Bifidobacterium longum: conservazione della funzione renale residua, riduce il p-cresil-fosfato, rallenta la progressione della malattia renale.
  3. Bifidobacterium breve: riduce il p-cresil-fosfato. 
  4. Bifidobacterium infantis: riduce il p-cresil-fosfato.
  5. Lactobacillus acidophilus: riduce il p-cresil-fosfato nelle feci e la dimetilammina (DMA un composto organico derivato dall’ammoniaca) contrasta l’Escherichia coli, migliora i sintomi gastrointestinali, rallenta la progressione della malattia renale.
  6. Lactobacillus plantarum: aiuta a conservare la funzione renale residua, riduce il p-cresil-fosfato.
  7. Lactobacillus paracasei: riduce l’infiammazione in corso di IBD
  8. Lactobacillus delbrueckii sottospecie bulgaricus: è un agente che ha dimostrato di idrolizzare l’urea importante per la “dialisi enterica” ​​e l’eliminazione delle scorie azotate per via intestinale.

*I ceppi in rosso non sono presenti nel Probinul – Vivomixx non contiene Inulina, coloranti, conservanti, edulcoranti sintetici. Non contiene glutine e allergeni della soia.

RICORDO CHE L’INULINA…

  • Aiuta a regolarizzare il transito intestinale
  • Rinforza la flora batterica intestinale
  • Elimina le tossine dall’intestino
  • Favorisce il dimagrimento
  • Modula il microbiota a produrre meno scorie azotate in caso di insufficienza renale cronica
  • Per azione dei batteri intestinali, l’inulina si trasforma in acidi grassi a catena corta
  • Ripristina la flora batterica intestinale danneggiata da antibiotici, farmaci, vaccinazioni, stress, alimentazione errata
  • Allevia l’infiammazione intestinale

Se si sceglie per il Vivomixx è sempre possibile aggiungere l’inulina e valutare la risposta individuale del soggetto in termini di diarrea/stitichezza.

Inulina in Umana e Veterinaria a cosa Serve?

In conlusione posso dirti che, in caso di:

  • Insufficienza renale –> Probinul (se subentra diarrea valutare il Vivomixx)
  • Insufficienza renale + IBD –> scegliere VIVOMIXX

In fase III e IV la mucosa intestinale è sempre danneggiata dalle tossine uremiche, in questo caso preferisco utilizzare il VIVOMIXX, oppure si  possono alternare.

Insufficienza renale gatto cane Come “Potenziare” il PROBINUL | VIVOMIXX

Scopri il ceppo Lactobacillus casei Shirota

 

Insufficienza Renale Cronica Nel Gatto E Nel Cane Il Mio Percorso Naturale


Disclaimer: I Contenuti Sono Solo A Scopo Informativo E In Nessun Caso Possono Costituire La Prescrizione Di Un Trattamento O Sostituire La Visita Specialistica O Il Rapporto Diretto Con Il Proprio Veterinario/Medico. Tutte Le Informazioni Qui Riportate Derivano Da Fonti Bibliografiche, Esperienze Personali E Studi Clinici Di Dominio Pubblico. Le Informazioni Diffuse Sul Sito Sono Pubblicate Dopo Attente Verifiche Delle Fonti, Scelte Con Cura E Per Quanto Possibile Aggiornate Ed Ufficiali. Tutte Le Informazioni Su Diete Speciali E Integratori Alimentari Per Animali Domestici, Sono A Scopo Informativo. Queste Informazioni Servono Come Linea Guida Generale, Non Possono Essere Applicate A Tutti Gli Animali Domestici O Considerate Come Alternative A Una Consulenza Professionale. In Queste Pagine Sono Inseriti e presentati rimedi Di terapia alternativa e Omeopatici Di Efficacia Non Convalidata Scientificamente E Senza Indicazioni Terapeutiche Approvate. I Prodotti Non Vanno Intesi Come Sostituti Di Una Dieta Variata Ed Equilibrata E Devono Essere Utilizzati Nell’ambito Di Uno Stile Di Vita Sano. Disclaimer E Termini

 

Bibliografia

Rossi M, Johnson DW, Morrison M et al. Simbiotics easing renal failure by improving gut microbiology synergy: a randomized trial. Clin J Am Soc Nephrol 2016: 11:223-231.

Ramezani A, Raj DS. The gut microbiome, kidney disease, and targeted interventions. J Am Soc Nephrol Apr;25:657-70.

Xu KY, Xia GH, Lu JQ, et al. Impaired renal function and dysbiosis of gut microbiota contribute to increased trimethylamine-N-oxide in chronic kidney disease patients. Sci Rep 2017;7:1445.

Li L, Ma L, Fu P. Gut microbiota-derived short-chain fatty acids and kidney diseases. Drug Des Devel Ther 2017;11:3531-42.

SUMMERS, Stacie C., et al. The fecal microbiome and serum concentrations of indoxyl sulfate and p‐cresol sulfate in cats with chronic kidney disease. Journal of veterinary internal medicine, 2019, 33.2: 662-669.

LAU, Wei Ling; VAZIRI, Nosratola D. Urea, a true uremic toxin: the empire strikes back. Clinical Science, 2017, 131.1: 3-12.

IRAPORDA, Carolina, et al. Lactate and short chain fatty acids produced by microbial fermentation downregulate proinflammatory responses in intestinal epithelial cells and myeloid cells. Immunobiology, 2015, 220.10: 1161-1169.

VINOLO, Marco AR, et al. Regulation of inflammation by short chain fatty acids. Nutrients, 2011, 3.10: 858-876.

Fagundes, Raquel Aparecida Bandeira, et al. “Probiotics in the treatment of chronic kidney disease: a systematic review.” Brazilian Journal of Nephrology AHEAD (2018): 0-0.