Home » Human&Pets » Mastice di Chios Mastiha CONTRASTA Helicobacter Pylori

Mastice di Chios Mastiha CONTRASTA Helicobacter Pylori

  • Elicats 
mastice di chios intestino

Mastice di Chios è una candida resina dall’aspetto opalescente, prodotta incidendo fusto e rami di una pianta che cresce nell’isola di Chios, il Lentisco (Pistacia lentiscus), un arbusto sempreverde della famiglia delle Anacardiacee. Il Mastice è conosciuto in modo particolare per le sue proprietà antinfiammatorie ed antibatteriche, rappresenta un’integrazione  utile in caso di ulcere gastriche, gastrite, colite  reflusso gastroesofageo ed è uno dei pochi prodotti naturali in grado di contrastare l’Helicobacter Pylori. Studi  dimostrano che la somministrazione di Mastiha può essere efficace nel ridurre la colonizzazione da H. pylori

Mastice di Chios intestino

mastice di chios instestino

*Questo integratore può contenere tracce di: latte, grano, soia, frutta a guscio, crostacei

  1. Antibatterico
  2. Antinfiammatorio
  3. Antisettico del cavo orale, in caso di stomatite e gengivite (come colluttorio gengivale, nelle infiammazione del cavo orale e soprattutto nelle emorragie post-estrazione o dopo la detartrasi.
  4. Riduce la formazione di placca dentale e contrasta l’alitosi
  5. Calma il bruciore di stomaco
  6. Combatte ulcera gastrica
  7. Attenua  il reflusso gastroefageo
  8. Ha proprietà antidiarroiche
  9. Indispensabile in caso di gastrite anche uremica (CKD)
  10. Riduce l’indice di attività e i livelli plasmatici di IL-6 e CRP in caso di IBD e colite
  11. Miglioramento dei sintomi in caso di malattie autoimmuni poichè inibisce la produzione di sostanze pro-infiammatorie.

Mastice di Chios Malattia di Crohn

La malattia di Crohn (CD) è una malattia infiammatoria cronica ad eziologia sconosciuta che può influenzare qualsiasi livello del tratto gastrointestinale È noto che i meccanismi immunologici sono coinvolti nella patogenesi della malattia. Le citochine infiammatorie, come l’interleuchina-6 (IL-6) e il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α), svolgono un ruolo fondamentale nell’induzione e nell’amplificazione della cascata infiammatoria. In particolare, IL-6 stimola la proliferazione e la differenziazione delle cellule T e delle cellule B.

Nonostante il gran numero di agenti terapeutici disponibili nessuno può essere considerato completamente soddisfacente a causa di casi resistenti o di effetti collaterali significativi. VI sono rimedi naturali e i probiotici ceppi specifici che hannola funzione di ripristinare il microbiota e ridurre l’infiammazione, anche il Mastice di  ha  proprietà curative dell’intestino, stomaco e fegato. È stato  riportato che il mastice possiede attività antiossidante  e antibatterica, la resina è efficace contro le ulcere peptiche.  Uno dei principali costituenti del Mastice di Chios , vale a dire l’acido oleanolico, è tra i triterpeni più noti con proprietà biologiche contro il danno epatico indotto chimicamente.

Mastice di chios integratore

Mastiha: azienda leader nella produzione di Mastice di Chios

 

Oppure se cercate un prodotto in gocce privo di alcol, eccolo: l’estratto Idroenzimatico di Mastice di Chios.

Lettura Consigliata  Idroenzimatici EIE alternativa alla gemmoterapia

 

Estratto idroenzimatico di mastice di Chios ottenuto con l’estrazione Idroenzimatica, una tecnica di lavorazione delle piante officinali che ha come scopo quello di ottenere un prodotto il più possibile biodisponibile (cioè assimilabile) e contenente l’intero fitocomplesso (principi attivi e principi complementari) presente nella pianta d’origine, sfruttandone così al meglio gli effetti sinergici. Il processo di estrazione Idroenzimatico è privo di solventi, esclusivo e brevettato. Sono pochi gli effetti collaterali riportati nella letteratura scientifica. E’ sconsigliato l’uso in gravidanza e allattamento e in caso di allergie note ai componenti.

Mastice di Chios Cane gatto

Mastice di Chios Cane gatto di supporto in caso di IBD, Gastrite, vai all’articolo dedicato!

Lettura Consigliata  Mastice di Chios cane gatto un toccasana per Gastrite IBD Stomatite

 

DISCLAIMER: I CONTENUTI SONO SOLO A SCOPO INFORMATIVO E IN NESSUN CASO POSSONO COSTITUIRE LA PRESCRIZIONE DI UN TRATTAMENTO O SOSTITUIRE LA VISITA SPECIALISTICA O IL RAPPORTO DIRETTO CON IL PROPRIO VETERINARIO/MEDICO. NON SI INTENDE FAR UTILIZZARE LE NOZIONI CONTENUTE IN QUESTE PAGINE PER SCOPI DIAGNOSTICI O PRESCRITTIVI O COME BASE PER QUALSIASI TERAPIA MEDICA. EVENTUALI DECISIONI CHE DOVESSERO ESSERE PRESE DALL’UTENTE, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI QUI LETTE, SONO ASSUNTE IN PIENA AUTONOMIA DECISIONALE E A PROPRIO RISCHIO. TUTTE LE INFORMAZIONI QUI RIPORTATE DERIVANO DA FONTI BIBLIOGRAFICHE, ESPERIENZE PERSONALI E STUDI CLINICI DI DOMINIO PUBBLICO, SONO ESCLUSIVAMENTE A SCOPO INFORMATIVO, SENZA ESSERE IN ALCUN MODO LEGALMENTE PERSEGUIBILI E QUINDI NON SI ACCETTANO RESPONSABILITÀ PER DANNI CHE POTREBBERO DERIVARE DALL’USO DI QUESTE INFORMAZIONI. SI DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ PER EVENTUALI ERRORI DI TESTO

Bibliografia:

Paraschos, S., Magiatis, P., Mitakou, S., Petraki, K., Kalliaropoulos, A., Maragkoudakis, P., … & Skaltsounis, A. L. (2007). In vitro and in vivo activities of Chios mastic gum extracts and constituents against Helicobacter pylori. Antimicrobial agents and chemotherapy, 51(2), 551-559.

Kaliora, A. C., Stathopoulou, M. G., Triantafillidis, J. K., Dedoussis, G. V., & Andrikopoulos, N. K. (2007). Chios mastic treatment of patients with active Crohn’s disease. World Journal of Gastroenterology: WJG, 13(5), 748.

SODIS, Michalis; SODIS, George. Oral hygiene product including chios mastic oil. U.S. Patent No 5,637,290, 1997.

Dimas, Konstantinos S., Panayotis Pantazis, and Rama Ramanujam. “Chios mastic gum: a plant-produced resin exhibiting numerous diverse pharmaceutical and biomedical properties.” In vivo 26.5 (2012): 777-785.

Paraskevopoulou, A., & Kiosseoglou, V. (2016). Chios mastic gum and its food applications. In Functional Properties of Traditional Foods (pp. 271-287). Springer, Boston, MA.

Kaliora, Andriana C., et al. “Chios mastic treatment of patients with active Crohn’s disease.” World Journal of Gastroenterology: WJG 13.5 (2007): 748.