Home » Esami e diagnostica cane gatto » Test SDMA nel gatto e cane Come Interpretare i risultati

Test SDMA nel gatto e cane Come Interpretare i risultati

  • Elicats 
insufficienza renale gatto esami

Nella diagnostica tradizionale e per valutare la funzionalità renale nei piccoli animali vengono considerati da sempre i parametri ematici quali: creatinina, azotemia e i seguenti parametri urinari: rapporto PU/CU, peso specifico delle urine.

Come interpretare test SDMA gatto cane

Creatinina

La creatinina serve a valutare la funzionalità renale, più alto è il suo valore e più i reni sono compromessi,  non permette comunque di diagnosticare la malattia precocemente.

Insufficienza renale gatto Azotemia / Urea

L’azotemia è un altro parametro che viene preso in condiderazione nella valutazione dell’insufficienza renale cronica, anche se è influenzabile da altre condizioni come: malattie epatiche, alimentazione, massa corporea, uso di farmaci e stato di idratazione.

Rapporto proteinuria creatinina (PU-CU)

Il rapporto urinario proteine/creatinina (Urine Protein Creatinine, UPC) misura la proteinuria in modo quantitativo e permette di valutare il danno renale. La presenza di proteinuria renale è un indicatore importante per determinare la progressione e l’aggravamento della malattia renale.

Sempre attenendosi alle nuove direttive IRIS (Internatonal Renal Interest Society) vengono classificati cani e gatti:

non proteinurici (PU/CU < 0,2)

proteinurici border-line (PU/CU tra 0,2 e 0,4 nel gatto, e tra 0,2 e 0,5 nel cane)

proteinurici (PU/CU > 0,4 nel gatto e > 0,5 nel cane) – Il rapporto PU/CU deve essere valutato insieme al peso specifico delle urine.

Sdma veterinaria

La dimetilarginina simmetrica (symmetric dimethylarginine, SDMA) sierica o plasmatica ha dimostrato di essere un biomarker della funzionalità renale più sensibile rispetto alla creatinina. Un aumento persistente di SDMA oltre 14 μg/dL indicherebbe una ridotta funzionalità renale. L’uso del SDMA TEST nell’ambito di una serie minima di dati consente di diagnosticare l’INSUFFICIENZA RENALE prima dell’insorgere dei segni clinici e dei danni renali significativi e irreversibili.

IDEXX SDMA è un test rivoluzionario per valutare la funzionalità renale e per supportare nella diagnosi della malattia renale cronica, mesi o in alcuni casi, anni prima dei metodi tradizionalmente utilizzati.

SDMA cos’è

La dimetilarginina simmetrica (symmetric dimethylarginine, SDMA) è un amminoacido, un’arginina metilata, biomarker molto specifico e sensibile per l’identificazione precoce della malattia renale.

Vantaggi del test SDMA rispetto ad altri parametri

La SDMA aumenta prima della creatinina nei cani e nei gatti con malattia renale. Inoltre non è influenzata dalla massa corporea, ed è quindi un esame più sensibile per valutare la funzionalità renale negli animali anziani e sottopeso.

Quando aumenta il l’SDMA?

Qualsiasi aumento SDMA al di sopra dell’intervallo di riferimento (superiore a 14 µg/dL) è da considerarsi significativo. La maggior parte degli animali con malattia renale in fase precoce ha valori di SDMA di 15-20 µg/dL.

Se la creatinina e la SDMA sono nel range di riferimento non è presente una significativa riduzione della funzionalità renale.

Se la SDMA e/o la creatinina si avvicinano al limite superiore dell’intervallo di riferimento, non si può escludere malattia renale precoce, in questo caso occorre valutare peso specifico e rapporto PU/CU.

Se la SDMA è aumentata ma la creatinina è all’interno del range è probabile che ci sia malattia una renale precoce. In alternativa, se il paziente ha una massa muscolare scadente, la creatinina potrebbe essere “falsamente” ridotta.

I valori ematici e Test SDMA Stadi I-II dell’insufficienza renale cronica gatto

Creatinina <140 micromol/l (<1.6 mg/dl) Non insufficiente

Azotemia nella norma

Risultato test SDMA >14μg/dl

No proteinuria <0,2

Pressione Normale <150


Creatinina 140 – 250 micromol/l (1.6 – 2.8 mg/dl) Lievemente insufficiente

Risultato test SDMA  > 14 / > 25 μg/dl

Azotemia: lieve

Proteinuria Borderline 0,2–0,4

Ipertensione Borderline 150–159

I valori ematici e Test SDMA Stadi III-IV dell’insufficienza renale cronica gatto

Stadio III: i valori del sangue e il test SDMA

Creatinina 251 – 440 micromol/l (2.9 – 5.0 mg/dl) Moderatamente insufficiente

Azotemia: moderata

Risultato test SDMA   > 45 μg/dl

Proteinuria  > 0,4

Ipertensione 160–179

Stadio IV: i valori del sangue e il test SDMA

Creatinina >440 micromol/l (>5.0 mg/dl) Gravemente insufficiente

Azotemia: molto alta

Risultato test SDMA   > 45 μg/dl

Proteinuria  > 0,4

Ipertensione Grave ≥180

Che sensibilità e specificità ha la SDMA per confermare la riduzione della funzionalità renale?

Uno studio eseguito sui gatti ha rilevato che la SDMA ha una sensibilità del 100% e una specificità del 91% se paragonato al gold standard di riferimento: la velocità di filtrazione glomerulare (glomerular filtration rate, GFR).

In che modo l’SDMA e la GFR sono correlate al peso specifico delle urine (USG)?

La SDMA è ben correlata alla GFR: aumenta quando c’è mediamente una perdita del 40% (ma in alcuni pazienti è sufficiente una perdita del 25%) della GFR. Normalmente la ridotta capacità di concentrazione delle urine si manifesta con una perdita media del 67% della GFR, ma anche questa percentuale puo’ variare.

SDMA è limitata alla sola diagnosi di CKD o è d’aiuto anche nell’insufficienza renale acuta?

La SDMA è correlata alla GFR, di conseguenza aumenterà anche nel danno renale acuto *AKI

I FANS devono essere evitati nei pazienti con SDMA aumentata?

I farmaci anti-infiammatori non-steroidei (FANS), altri farmaci potenzialmente nefrotossici e farmaci eliminati prevalentemente tramite escrezione renale, vanno usati con cautela negli animali con funzionalità renale alterata. La SDMA va interpretata insieme a creatinina, analisi delle urine e altri rilievi per diagnosticare la malattia renale, ma la SDMA sarà spesso il primo indicatore di una riduzione della funzionalità renale nell’insufficienza renale cronica.

*IRA: TERMINE OBSOLETO PER DEFINIRE L’INSUFFICIENZA RENALE ACUTA – IL TERMINE CORRETTO PER DEFINIRE L’INS. REN. ACUTA È: ACUTE KIDNEY INJURY (AKI)

SDMA ultimi studi e alterazioni

Ci sono prove che a differenza della creatinina, SDMA non è influenzata dalla massa muscolare, mostrando alcuna correlazione con la massa corporea magra nei cani o gatti. Si è visto comunque che i levrieri sani hanno una concentrazione sierica SDMA più alta rispetto ad altre razze. In un altro studio si è stabilito che in presenza di tumori o linfomi e, in assenza di alterazioni significative dell’azotemia e creatinina, si aveva un risultato del test SDMA molto elevato.

Diabete e SDMA

In presenza di diabete mellito studi confermano che si hanno concentrazioni inferiosi di SDMA, mentre una concentrazione superiore si ha anche in presenza di nefrolitiasi, questo fa supporre che anche in presenza di alterazioni renali o post renali il test possa avere transitoriamente degli aumenti.

Ipertiroidismo e SDMA

Come ho spiegato nell’articolo sull’ipertiroidismo felino, “l’insufficienza renale viene rilevata solo quando l’ipertiroidismo è controllato. Il controllo dell’ipertiroidismo porta un calo del GFR smascherando l’insufficienza renale cronica. L’ipertiroidismo può rendere più complessa la diagnosi di malattia renale cronica (CKD, Chronic Kidney Disease) pertanto può essere utile affiancare per una diagnosi di Insufficienza renale, il test SDMA, 

In un altro studio è emerso che se l’ipertiroidismo è controllato e trattato, le concentrazioni di SDMA possono normalizzarsi.

Lo studio stabilisce e porta a conclusione che nonostante l’SDMA sia un marker utile per valutare la funzione renale, gli studi sono ancora carenti per quel che riguarda l’interferenza da parte di altre patologie o fattori non renali.

Concludo dicendo che.. nè solo la creatinina e nè il solo test SDMA  possono aiutare nella diagnosi precoce di malattia renale cronica nel gatto e cane! Continuo a stadiare e a monitorare la malattia con Crea-azotemia e analisi delle urine!

Approfondimento:

Come gestire i gatti in stadio III-IV dell’insufficienza renale cronica

Dieta Renal per il gatto e restrizione proteica

Alimentazione Dieta e ricette in corso di insufficienza renale cronica gatto

Bibliografia:

Sargent, H. J., J. Elliott, and R. E. Jepson. “The new age of renal biomarkers: does SDMA solve all of our problems?.” Journal of Small Animal Practice (2020).


Disclaimer: I Contenuti Sono Solo A Scopo Informativo E In Nessun Caso Possono Costituire La Prescrizione Di Un Trattamento O Sostituire La Visita Specialistica O Il Rapporto Diretto Con Il Proprio Veterinario/Medico. Tutte Le Informazioni Qui Riportate Derivano Da Fonti Bibliografiche, Esperienze Personali E Studi Clinici Di Dominio Pubblico. Le Informazioni Diffuse Sul Sito Sono Pubblicate Dopo Attente Verifiche Delle Fonti, Scelte Con Cura E Per Quanto Possibile Aggiornate Ed Ufficiali. Tutte Le Informazioni Su Diete Speciali E Integratori Alimentari Per Animali Domestici, Sono A Scopo Informativo. Queste Informazioni Servono Come Linea Guida Generale, Non Possono Essere Applicate A Tutti Gli Animali Domestici O Considerate Come Alternative A Una Consulenza Professionale. In Queste Pagine Sono Inseriti e presentati rimedi Di terapia alternativa e Omeopatici Di Efficacia Non Convalidata Scientificamente E Senza Indicazioni Terapeutiche Approvate. I Prodotti Non Vanno Intesi Come Sostituti Di Una Dieta Variata Ed Equilibrata E Devono Essere Utilizzati Nell’ambito Di Uno Stile Di Vita Sano. Disclaimer E Termini