Home » Prodotti naturali ed integratori cane e gatto » CBD in veterinaria Cosa occorre Sapere prima di Integrarlo

CBD in veterinaria Cosa occorre Sapere prima di Integrarlo

  • Elicats 
cbd cane gatto

Cbd cane gatto, era il 2015 quando intrapresi le prime ricerche sull’impiego del CBD in veterinaria, una ricerca mai pubblicata, personale riservata e destinata ad una carissima amica per la sua gatta, i tempi allora non erano maturi per parlare del cannabidiolo non psicoattivo per cani e gatti, oggi riprendo quella ricerca e la rendo disponibile a tutti, sempre per il bene della collettività Pets!

Cbd per cane e gatto

Uno dei primi a studiare il CBD fu Il dottor Duncan Lascelles, professore di chirurgia e terapia del dolore presso la North Carolina State University College of Veterinary Medicine, Lascelles ha trascorso 22 anni della sua carriera professionale alla ricerca, su come alleviare il dolore negli animali.

Gli animali dice Lascelles hanno gli stessi recettori naturali dei cannabinoidi come gli esseri umani, questi recettori si trovano nel cervello e nel sistema nervoso periferico.

Secondo un articolo pubblicato ad agosto sul The New York Times, in America sono sempre più i proprietari di animali interessati a trattare i loro cani e gatti con olio CBD.


Cbd Prodotti in commercio e sicuri per cani e gatti

Cibdol  (non amaro, veicolato dall’olio d’oliva)

Enecta (buon sapore come olio oliva, non è amaro)

kanarescue (odore forte, molto amaro)

L’olio CBD è preferibile aggiungerlo alla pappa.

L’olio CBD può essere impiegato come anti infiammatorio, anti nausea e per aumentare l’appetito nei gatti e cani affetti da insufficienza renale cronica 


 

Dosaggio CBD per cani e gatti: solitamente si parte 2-3 gocce una o due volte al giorno, in base al peso dell’animale e alla patologia, le gocce si possono incrementare in modo graduale. Il mio consiglio é sempre quello di parlarne con il veterinario.

 

CBD nel cane

Il CBD è l’acronimo di cannabidiolo, è un fitocannabinoide non-psicoattivo, tutti i mammiferi sono dotati di recettori endocannabinoidi, (sistema endocannabinoide) distribuiti in tutto il corpo. Non dovrebbe quindi sorprendere che il CBD funzioni per trattare gli animali malati, esattamente come avviene nelle persone.

L’Olio di CBD per cani e gatti può aiutare nei casi di

Il sistema endocannabinoide

In tutti i mammiferi sono presenti milioni di recettori di cannabinoidi che interagiscono con le molecole prodotte dal organismo, endo è l’abbreviazione di endogeno – Cannabinoide è il gruppo di composti capace di attivare il sistema endocannabinoide.

Ogni volta che un agonista si lega ad un recettore viene generata una risposta, un messaggio con una specifica istruzione per la cellula. Il Sistema Endocannabinoide (SEC) è costituito da due specifici recettori cellulari primari: CB1 e CB2. Gli agonisti, o chiavi, per questi recettori di cannabinoidi sono prodotti dal nostro corpo (endocannabinoidi), ma sono anche presenti in altre fonti esterne al nostro corpo, come nella Cannabis (fitocannabinoidi). ll sistema endocannabinoide agisce sull’appetito, metabolismo, sistema immunitario, dolore, infiammazioni.

https://www.facebook.com/Elicats.it/posts/1498991003546948

OLIO CBD Proprietà

Molti studi hanno dimostrato diverse proprietà terapeutiche del CBD (antinfiammatorie, ansiolitiche, antidepressive, antiepilettiche, anticancro. Il CBD non ha la capacità di legarsi a tutti i recettori, ma agisce inibendo l’enzima FAAH (Fatty Acid Amido Hydrolase), un enzima presente nell’organismo che a seguito di stimoli in alcune aree del cervello, porta velocemente all’inattivazione dell’anandamide, un neurotrasmettitore appartenente al sistema endocannabinoidico in grado di manifestare proprietà analgesiche, ansiolitiche ed antidepressive agendo sui recettori dei cannabinoidi.

Il CBD agisce esclusivamente a livello fisico e aiuta a trattare alcune patologie

  • Inibisce la crescita delle cellule tumorali
  • Riduce le infiammazioni
  • Morbo di Addison
  • Riduce la nausea
  • In caso di artrosi
  • Allevia il dolore muscolare, articolare e neuropatico

CBD e cancro al colon

Il CBD esercita le seguenti azioni farmacologiche: antiossidante, antinfiammatorio intestinale e possibile effetto chemio-preventivo.

Cbd per cani dosaggio

Il dosaggio deve essere stabilito in base al peso e alla patologia dell’animale, la quantità di olio deve essere dosata dal veterinario, rivolgetevi a venditori sicuri e acquistate prodotti certificati e biologici.

 

CBD per gatti epilettici

Il CBD aiuta a curare l’epilessia nei cani entro cinque mesi dalla sua somministrazione.

Il CBD oil cane gatto per alleviare il dolore: il dolore cronico può essere alleviato dall’uso di CBD terapeutico.

Il CBD aiuta a combattere le allergie croniche nei cani: le citochine infiammatorie causano condizioni allergiche negli animali domestici. Il CBD, diminuisce la produzione di citochine infiammatorie che causano le allergie studi scientifici hanno dimostrato che il CBD è un potente antiossidante. Il CBD aiuta ad aumentare l’appetito nei cani, anche in caso di vomito.

CBD per gatti dosaggio

Il dosaggio deve essere stabilito in base al peso e alla patologia dell’animale, la quantità di olio deve essere dosata dal veterinario, rivolgetevi a venditori sicuri e acquistate prodotti certificati e biologici, la dose da impiegare è soggettiva, va ricordato che il CBD inizia a fare nell’arco di circa 10 gg.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime news del mondo pets? segui la nostra pagina Facebook!

DISCLAIMER: I CONTENUTI  SONO SOLO A SCOPO INFORMATIVO E IN NESSUN CASO POSSONO COSTITUIRE LA PRESCRIZIONE DI UN TRATTAMENTO O SOSTITUIRE LA VISITA SPECIALISTICA O IL RAPPORTO DIRETTO CON IL PROPRIO VETERINARIO/MEDICO. NON SI INTENDE FAR UTILIZZARE LE NOZIONI CONTENUTE IN QUESTE PAGINE PER SCOPI DIAGNOSTICI O PRESCRITTIVI O COME BASE PER QUALSIASI TERAPIA MEDICA. EVENTUALI DECISIONI CHE DOVESSERO ESSERE PRESE DALL’UTENTE, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI QUI LETTE, SONO ASSUNTE IN PIENA AUTONOMIA DECISIONALE E A PROPRIO RISCHIO. TUTTE LE INFORMAZIONI QUI RIPORTATE DERIVANO DA FONTI BIBLIOGRAFICHE, ESPERIENZE PERSONALI E STUDI CLINICI DI DOMINIO PUBBLICO, SONO ESCLUSIVAMENTE A SCOPO INFORMATIVO, SENZA ESSERE IN ALCUN MODO LEGALMENTE PERSEGUIBILI E QUINDI NON SI ACCETTANO RESPONSABILITÀ PER DANNI CHE POTREBBERO DERIVARE DALL’USO DI QUESTE INFORMAZIONI.

Bibliografia

Rotolo, M. C., Graziano, S., Pellegrini, M., Corlazzoli, D., Antinori, L., Porcarelli, L., & Pichini, S. (2017). Simple and fast gas-chromatography mass spectrometry assay to assess delta 9-tetrahydrocannabinol and cannabidiol in dogs treated with medical cannabis for canine epilepsy. Current pharmaceutical biotechnology.
Romero-Sandoval, E. Alfonso, Ashley L. Kolano, and P. Abigail Alvarado-Vázquez. “Cannabis and Cannabinoids for Chronic Pain.” Current rheumatology reports 19.11 (2017): 67.
MALFAIT, A. M., et al. The nonpsychoactive cannabis constituent cannabidiol is an oral anti-arthritic therapeutic in murine collagen-induced arthritis. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2000, 97.17: 9561-9566.
MASSI, Paola, et al. Cannabidiol as potential anticancer drug. British journal of clinical pharmacology, 2013, 75.2: 303-312.
Kapoor, S. (2013). The Inhibitory Effects of Cannabidiol on Systemic Malignant Tumors. Journal of pain and symptom management, 45(4), e1.
GUZMAN, Manuel. Cannabinoids: potential anticancer agents. Nature Reviews Cancer, 2003, 3.10: 745-755.
AVIELLO, Gabriella, et al. Chemopreventive effect of the non-psychotropic phytocannabinoid cannabidiol on experimental colon cancer. Journal of molecular medicine, 2012, 90.8: 925-934.